Massaggio bioenergetico dolce 

secondo il metodo di Eva Reich 

Adulti, coppia, gravidanza, bambini 

 

 

🔎SCEGLI IL TUO PERCORSO

 

Massaggio bioenergetico dolce per adulti di ogni età

 

Massaggio bioenergetico dolce per la coppia

 

Massaggio bioenergetico dolce in gravidanza

 

Massaggio bioenergetico dolce neonatale (prematuri, neonati, gemelli)

 

Massaggio bioenergetico dolce per il sostegno alla genitorialità

 

“Sintonizzarci su un altro canale, più sottile, più sentito ed empatico, come quel tocco delicato, simile alle ali di una farfalla, ci permette di entrare in una connessione profonda con noi stessi e di conseguenza con l’altra persona: un familiare, un caro amico, un figlio, il proprio partner.”

Eva Reich

Il massaggio bioenergetico dolce di Eva Reich è un metodo terapeutico che agisce sulla memoria cellulare, il sistema neurovegetativo secondo il principio del minimo stimolo di un tocco gentile e delicato che favorisce lo scioglimento dei blocchi corporei ed emozionali e permette all’energia intrappolata nelle nostre tensioni di fluire più liberamente nell’organismo.

Anche detto massaggio a “farfalla” perché consiste in un tocco lieve su tutta la pelle, con l’effetto di attivare armonicamente tutte le funzioni vitali e rinforzare il sistema immunitario, mirando allo scioglimento delle tensioni.

 

🎯OBIETTIVI

  • promozione della salute: si realizza l’armonizzazione del sistema bioenergetico dell’organismo mediante il contatto bio-emozionale;

  • prevenzione: si previene la formazione rigida di una corazza fisica, emotiva e comportamentale e i conseguenti disturbi psicosomatici e bioetici attuali e futuri;

  • mothering the mother: fornisce sostegno alle risorse interne di una persona;

  • cura: attraverso il contatto del massaggio, si ristabilisce e rinforza il processo bioenergetico pulsatorio dell’organismo e si sciolgono dolcemente traumi ( anche intrauterini o legati alla propria nascita).

 

☀️AREE DI APPLICAZIONE

 Madri, padri e bambini:

  • bambini prematuri;

  • rinforza il rapporto con il nascituro;

  • efficace strumento terapeutico nella preparazione alla nascita;

  • promuove il contatto e la connessione intuitiva con il bambino in utero;

  • previene le crisi post-partum e sostiene la madre nelle settimane dopo la nascita;

  • nel dopo parto aiuta a lenire tensioni psico-emotive;

  • contribuisce a creare benessere nei neonati e rafforza la comprensione tra genitori e  bambini;

  • intensifica gli strumenti di aiuto nella consultazione per l’allattamento al seno;

  • in ostetricia è un intervento con un forte effetto antidolorifico e aumenta la fiducia;

  • un effetto stimolante e armonizzante di tutte le funzioni vitali, tanto da comportare un rafforzamento del sistema immunitario i di tutti i sistemi vitali del bambino;

  • migliora lo stato di salute e rende il bambino più resistente allo stress;

  • agevola il superamento di eventuali traumi alla nascita;

  • previene cura i disturbi nei primi rapporti bioemozionali tra madre e bambino;

  • è di aiuto in casi di coliche, insonnia e dentizione;

  • migliora le condizioni dei bambini ospedalizzati;

  • ristabilisce la situazione dei bambini adottati;

  • aiuta i bambini a superare temporanee separazioni dai genitori;

  • previene e migliora le crisi di adattamento (ritmo disturbato del sonno, da sollievo in caso di malattie, pianto frequente);

  • favorisce il contatto tra genitori e bambini e sostiene l’attaccamento reciproco e lo stare bene insieme;

  • attivare reazioni corporee specifiche, come il rilascio dell’ossitocina, un ormone che promuove e sostiene il legame;

  • stabilizzare il sistema nervoso autonomo, stimolando un effetto rilassante e promuovendo lo sviluppo fisico e neuronale del bambino;

  • permettere, sopratutto ai papà di comunicare e instaurare una relazione con il piccolo ancor prima che nasca;

  • i momenti di incontro intimo rafforzano il desiderio di genitori e bambini di entrare in una relazione amichevole e sostenibile.

Adulti:

  • ripristina il ritmo vitale nell’organismo;

  • scioglie lo stress e la corazza corporea ed emotiva dolcemente;

  • riconosce che i traimi primari hanno un impatto drammatico nelle nostre vite e previene l’insorgenza;

  • arricchisce la vita familiare;

  • media e stimola un gran numero di azioni psicobiologiche orientate al benessere e alle interazioni sociali positive;

  • aumenta la concentrazione e l’attenzione;

  • scioglie le tensioni;

  • attenua i dolori fisici;

  • diminuisce stress, ansia e paure;

  • favorisce la qualità del sonno;

  • accresce il grado di energia vitale;

  • aumenta la propria autostima e la spinta motivazionale;

  • facilita il lasciarsi andare quando si accompagna persone morenti;

  • attecchisce la cura di persone anziane e disabili;

  • sostiene la guarigione dopo un intervento chirurgico o un incidente;

  • strumento importante nell’accompagnare l’elaborazione di esperienze traumatiche;

  • è particolarmente indicato altresì per professionisti che operano nelle relazioni di aiuto.

 

👏PREVENZIONE PRIMARIA

Il massaggio bionergetico dolce è uno strumento specifico per la prevenzione primaria rivolto:

  • alla donna sin dalla gravidanza, prima e durante il parto;

  • alla madre dopo il parto per aiutarla a superare le difficoltà o la fatica, prevenire o curare la depressione post-partum e promuovere il naturale legame madre-neonato;

  • alla madre e al bambino nel corso del puerperio per prevenire le crisi di adattamento come il pianto inconsolabile, i disturbi dell’alimentazione e del ritmo sonno-veglia;

  • offre aiuto dopo i traumi primari;

  • si attua sin dalla prevenzione prenatale;

  • ed in particolare nei periodi sensibili della vita: al momento del parto e nei primi mesi di vita;

  • parte dall’elaborazione della storia della prima infanzia;

  • si basa su un’educazione non coercitiva e sull’educazione all’autoregolazione;

  • protegge e sostiene il contatto.

Il massaggio bioenergetico dolce ha una azione sulla produzione endogena di Ossitocina. L’ossitocina è un importante ormone in azione nel sistema parasimpatico (espansione neurovegetativa ed emozionale), strettamente connesso con l’attivazione del cervello destro.

   Studio Corpo e Psiche,2013

  • facebook-square